29.1 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024
HomeCURIACreato Crocifisso Il vivere contemporaneo crocifigge il creato

Creato Crocifisso Il vivere contemporaneo crocifigge il creato

Date:

Una mostra di enorme impatto emotivo, una serie di quattro opere inedite di grandissima suggestione: Pietro Perrone in Creato Crocifisso. Il vivere contemporaneo crocifigge il creato propone quattro crocifissioni, quattro calvari, in cui gli elementi naturali, aria, acqua, terra e fuoco, fanno da sfondo e contesto al dolore della società contemporanea. La mostra, patrocinata dalla Città di Tarquinia e dalla Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia e allestita nella suggestiva cornice della chiesa romanica di San Pancrazio, nel cuore del centro storico, è una meditazione sulla Passione a pochi giorni dalla Pasqua ma anche un grido di dolore sulle conseguenze drammatiche dello sfruttamento della creazione e dell’ambiente.

Nelle grandi tele, Perrone contestualizza le crocifissioni in ambientazioni allegoriche e movimentate a suggerire – come scrive Chiara Guidoni nel Catalogo – «l’andamento stesso della figura di un Cristo sempre a capo chino, di cui non si scorge un volto, a indicare quindi un’identità aperta, che può, conseguentemente, abbracciare ogni uomo e ogni donna, ogni essere umano. La posa e l’atteggiamento suggeriscono un momento ben preciso dell’agonia:

Ma il soggetto, non più in grado di combattere, di “far fronte” alla vita e al suo bagaglio, si piega, si lascia andare vinto e vulnerabile a una furia elementare che lo muove, ormai privo di volontà e di forza, saldamente conficcato in quella terra da cui pare nascere e a cui pare voglia tornare: contiene in sé la nascita e la morte e, quindi, la vita, intervallo di significato fra i due momenti».

Il Vernissage si svolge sabato 16 marzo alle ore 17. La mostra è aperta sino al 30 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19.
Testi in catalogo:

Alessandro Giulivi, Sindaco di Tarquinia Gianrico Ruzza, Vescovo di Civitavecchia-Tarquinia e Porto-Santa-Rufina Chiara Guidoni, Critico d’arte, Perugia Sorelle Clarisse del Monastero Sant’Agnese, Perugia Le quattro opere esposte: aria, terra, fuoco, acqua olio su tela, 200 x 80 cm, 2023 Pietro Perrone nasce 1956 a Diamante (CS). Si trasferisce a Roma nel 1974 dove completa gli studi all’Accademia di Belle Arti del corso di scultura. La sua carriera è scandita da alcune importanti tappe. Nel 1985 su richiesta dell’Architetto Massimiliano Fuksas realizza una grande opera in un edificio scolastico di Agagni.

Nel 1989 viene scelto come rappresentante italiano da Achille Bonito Oliva per “Internazionale Malerwochen”, una borsa di studio a Graz e successiva mostra al Museo Nazionale Joanneum, curata da Wilfried Skreiner. Nel 1994 fa scendere una gigantesca cascata di colori alla cava di marmo Menconi a Carrara. Nel 1999 vince una borsa di studio del Bundeskanzleramt Austria e soggiorna a Vienna con artisti di varie nazioni. Nel 2000/2001 viene invitato alla Mostra Immagini Interiori, organizzata dal Ministero degli Affari esteri, Direzione per la Promozione e Cooperazione Culturale, mostra itinerante a Rabat, Tunisi, il Cairo, Beirut, Asmara, Madrid, Lisbona.

Nel 2006 lavori di grandi dimensioni vengono esposti all’Accademia d’Ungheria a Roma e alla Centrale Elettrica di Imst/Austria. Una grande personale nel 2007 al Museo di Palazzo Venezia, Appartamento Barbo, Roma, Opere 2001-2007. Nel 2009 una installazione in una mostra internazionale Cella al Complesso Monumentale di San Michele a Ripa, Ex Casa di Correzione a Roma. Nel 2016 una grande personale alle Officine Farneto a Roma dal Titolo Travaso. Continua a esporre in diversi musei e gallerie, in Italia e all’estero. Vive e lavora a Maccarese vicino Roma.

Condividi

Articoli Correlati

PD: no al porto crocieristico di Fiumicino

Il PD di Civitavecchia ha contribuito all’incontro tenutosi nei giorni scorsi a Fiumicino in merito alla realizzazione di un porto crocieristico nella cittadina laziale; un evento organizzato dal nostro Partito che ha visto la partecipazione

Grasso scrive una lettera ai moderati

Essere moderati oggi è un atto di coerenza verso i principi popolari e liberali su cui è fondato il nostro Paese. In un'epoca in cui sembra prevalere chi urla di più e lancia enunciati vaghi, la moderazione richiede coraggio

Pieno appoggio a Piendibene da DEMOS -Democrazia Solidale

Desideriamo ringraziare tutti i cittadini che ci hanno votato ; abbiamo ottenuto un buon successo che ci incoraggia a proseguire sulla strada del confronto e dell’ascolto. La nostra campagna elettorale non è stata invadente

Galletta appoggerà Piendibene al ballottaggio

In questi giorni seguenti al primo turno di votazioni per le elezioni del nuovo sindaco e relativo consiglio comunale della nostra Civitavecchia sono stata contattata da tantissimi cittadini, molti dei 1810 che hanno creduto nelle nostre visioni e soprattutto nel nostro impegno civico

D’Antò: “anche se la nostra proposta di appartamento non ha avuto finora il riscontro atteso, restiamo convinti della necessità di contrastare questa destra”

Dopo intense discussioni e un sincero tentativo di costruire un fronte comune, contro una destra che riteniamo quanto di più dannoso per la città, la coalizione di centrosinistra non ha ancora deciso (tecnicamente c'è tempo fino a domenica alle 12:00)
spot_imgspot_img

Una mostra di enorme impatto emotivo, una serie di quattro opere inedite di grandissima suggestione: Pietro Perrone in Creato Crocifisso. Il vivere contemporaneo crocifigge il creato propone quattro crocifissioni, quattro calvari, in cui gli elementi naturali, aria, acqua, terra e fuoco, fanno da sfondo e contesto al dolore della società contemporanea. La mostra, patrocinata dalla Città di Tarquinia e dalla Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia e allestita nella suggestiva cornice della chiesa romanica di San Pancrazio, nel cuore del centro storico, è una meditazione sulla Passione a pochi giorni dalla Pasqua ma anche un grido di dolore sulle conseguenze drammatiche dello sfruttamento della creazione e dell’ambiente.

Nelle grandi tele, Perrone contestualizza le crocifissioni in ambientazioni allegoriche e movimentate a suggerire – come scrive Chiara Guidoni nel Catalogo – «l’andamento stesso della figura di un Cristo sempre a capo chino, di cui non si scorge un volto, a indicare quindi un’identità aperta, che può, conseguentemente, abbracciare ogni uomo e ogni donna, ogni essere umano. La posa e l’atteggiamento suggeriscono un momento ben preciso dell’agonia:

Ma il soggetto, non più in grado di combattere, di “far fronte” alla vita e al suo bagaglio, si piega, si lascia andare vinto e vulnerabile a una furia elementare che lo muove, ormai privo di volontà e di forza, saldamente conficcato in quella terra da cui pare nascere e a cui pare voglia tornare: contiene in sé la nascita e la morte e, quindi, la vita, intervallo di significato fra i due momenti».

Il Vernissage si svolge sabato 16 marzo alle ore 17. La mostra è aperta sino al 30 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19.
Testi in catalogo:

Alessandro Giulivi, Sindaco di Tarquinia Gianrico Ruzza, Vescovo di Civitavecchia-Tarquinia e Porto-Santa-Rufina Chiara Guidoni, Critico d’arte, Perugia Sorelle Clarisse del Monastero Sant’Agnese, Perugia Le quattro opere esposte: aria, terra, fuoco, acqua olio su tela, 200 x 80 cm, 2023 Pietro Perrone nasce 1956 a Diamante (CS). Si trasferisce a Roma nel 1974 dove completa gli studi all’Accademia di Belle Arti del corso di scultura. La sua carriera è scandita da alcune importanti tappe. Nel 1985 su richiesta dell’Architetto Massimiliano Fuksas realizza una grande opera in un edificio scolastico di Agagni.

Nel 1989 viene scelto come rappresentante italiano da Achille Bonito Oliva per “Internazionale Malerwochen”, una borsa di studio a Graz e successiva mostra al Museo Nazionale Joanneum, curata da Wilfried Skreiner. Nel 1994 fa scendere una gigantesca cascata di colori alla cava di marmo Menconi a Carrara. Nel 1999 vince una borsa di studio del Bundeskanzleramt Austria e soggiorna a Vienna con artisti di varie nazioni. Nel 2000/2001 viene invitato alla Mostra Immagini Interiori, organizzata dal Ministero degli Affari esteri, Direzione per la Promozione e Cooperazione Culturale, mostra itinerante a Rabat, Tunisi, il Cairo, Beirut, Asmara, Madrid, Lisbona.

Nel 2006 lavori di grandi dimensioni vengono esposti all’Accademia d’Ungheria a Roma e alla Centrale Elettrica di Imst/Austria. Una grande personale nel 2007 al Museo di Palazzo Venezia, Appartamento Barbo, Roma, Opere 2001-2007. Nel 2009 una installazione in una mostra internazionale Cella al Complesso Monumentale di San Michele a Ripa, Ex Casa di Correzione a Roma. Nel 2016 una grande personale alle Officine Farneto a Roma dal Titolo Travaso. Continua a esporre in diversi musei e gallerie, in Italia e all’estero. Vive e lavora a Maccarese vicino Roma.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui