27.1 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024
HomeCIVITAVECCHIAPiù investimenti nelle periferie più integrazione sociale

Più investimenti nelle periferie più integrazione sociale

Date:


Dichiarazioni di Martuscelli Maddalena detta Adele:

Molto probabilmente i problemi del quartiere San Liborio non sono diversi da quelli di ogni realtà periferica, così come non lo sono le aspettative che puntualmente riemergono ad ogni tornata elettorale. 

Nella percezione generale, S. Liborio viene considerato, anche a ragione, un quartiere dormitorio, essendosi sviluppato piuttostovelocemente; la realtà è però ben più complessa: accanto ai molti alloggi di edilizia popolare ci sono edifici realizzati in edilizia agevolata e convenzionata ed altri, anche di discreto pregio, costruite da privati; convivono, perciò, situazioni molto diverse fra loro e questo aspetto di per sé è già una criticità, così come la densità della popolazione residente. Forse l’elemento che più di altri accomuna le diverse realtà è l’assenza di servizi adeguati e la carenza di strutture e spazi comuni, che non sono cresciuti di pari passo con la crescita edilizia e degli abitanti. 

Fare un elenco delle criticità sulle quali bisognerebbe intervenire è facile esercizio, tuttavia ritengo giusto che alcune vadano evidenziate: un centro sportivo polivalente toglierebbe molti giovani dalla strada e a San Liborio manca; una maggiore integrazione fra quartiere e centro città ridurrebbe la sensazione di isolamento: solo per fare un esempio, non c’è un ufficio postale ein un quartiere di 7000 abitanti questo è una mancanza grave; il degrado urbano è visibile, basta solo farsi una passeggiata; il verde pubblico è carente, così come sono saltuari e approssimativi gli interventi di manutenzione ordinaria, come ad esempio lo sfalcio dell’erba. In questo sono chiare le responsabilità di chi ha amministrato negli ultimi 10 anni.

Ma ciò che credo vada maggiormente sottolineato è la correlazione fra assenza di servizi di comunità e aumento di illegalità e fenomeni di marginalizzazione: è del tutto evidente come il benessere diffuso faciliti l’inclusione e come un quartiere più bello e vivibile favorisca l’armonia e i rapporti sociali.

In definitiva, ritengo che occorra investire di più nelle periferie, sia in termini di risorse materiali sia in cultura e solidarietà, ed è questo il senso della mia candidatura nella lista Unione Civica per Marco Piendibene.

Condividi

Articoli Correlati

Aggiornamento incendio in Via Attilio Bonucci a Civitavecchia

L’incendio ha avuto origine in un settore del deposito di rifiuti di proprietà della società Porcarelli Gino & co S. R. L. contenente circa 90 metri cubi di rifiuti indifferenziati, all’Interno del quale non erano presenti rifiuti speciali

Vasto incendio in via Attilio Bonucci, zona industriale

Dalle ore 09.00 di questa mattina i Vigili del fuoco di Civitavecchia sono occupati in un vasto incendio in via Attilio Bonucci, zona industriale

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso
spot_imgspot_img


Dichiarazioni di Martuscelli Maddalena detta Adele:

Molto probabilmente i problemi del quartiere San Liborio non sono diversi da quelli di ogni realtà periferica, così come non lo sono le aspettative che puntualmente riemergono ad ogni tornata elettorale. 

Nella percezione generale, S. Liborio viene considerato, anche a ragione, un quartiere dormitorio, essendosi sviluppato piuttostovelocemente; la realtà è però ben più complessa: accanto ai molti alloggi di edilizia popolare ci sono edifici realizzati in edilizia agevolata e convenzionata ed altri, anche di discreto pregio, costruite da privati; convivono, perciò, situazioni molto diverse fra loro e questo aspetto di per sé è già una criticità, così come la densità della popolazione residente. Forse l’elemento che più di altri accomuna le diverse realtà è l’assenza di servizi adeguati e la carenza di strutture e spazi comuni, che non sono cresciuti di pari passo con la crescita edilizia e degli abitanti. 

Fare un elenco delle criticità sulle quali bisognerebbe intervenire è facile esercizio, tuttavia ritengo giusto che alcune vadano evidenziate: un centro sportivo polivalente toglierebbe molti giovani dalla strada e a San Liborio manca; una maggiore integrazione fra quartiere e centro città ridurrebbe la sensazione di isolamento: solo per fare un esempio, non c’è un ufficio postale ein un quartiere di 7000 abitanti questo è una mancanza grave; il degrado urbano è visibile, basta solo farsi una passeggiata; il verde pubblico è carente, così come sono saltuari e approssimativi gli interventi di manutenzione ordinaria, come ad esempio lo sfalcio dell’erba. In questo sono chiare le responsabilità di chi ha amministrato negli ultimi 10 anni.

Ma ciò che credo vada maggiormente sottolineato è la correlazione fra assenza di servizi di comunità e aumento di illegalità e fenomeni di marginalizzazione: è del tutto evidente come il benessere diffuso faciliti l’inclusione e come un quartiere più bello e vivibile favorisca l’armonia e i rapporti sociali.

In definitiva, ritengo che occorra investire di più nelle periferie, sia in termini di risorse materiali sia in cultura e solidarietà, ed è questo il senso della mia candidatura nella lista Unione Civica per Marco Piendibene.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui