21.1 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024
HomeCIVITAVECCHIAM5S: "Usi civici: da strumento di tutela a vessazione per i cittadini"

M5S: “Usi civici: da strumento di tutela a vessazione per i cittadini”

Date:

Come Movimento 5 Stelle abbiamo sempre considerato gli usi civici uno degli ultimi strumenti per salvaguardare il territorio da un selvaggio consumo di suolo, specialmente dopo la riforma delle procedure legate alle conferenze di servizi. Tuttavia, contestiamo vigorosamente l’accanimento dell’Università Agraria di Civitavecchia nei confronti delle migliaia di famiglie civitavecchiesi.

Nonostante l’Università Agraria sia un soggetto di diritto privato, il patrimonio che gestisce è di interesse pubblico e dovrebbe essere amministrato nell’interesse della collettività. Diverse sentenze hanno certificato ampiamente che la documentazione dimostra la non sussistenza degli usi civici, specialmente in zone come la “Bandita delle Mortelle”, dove gli usi civici sono inesistenti.

Il ricorrere contro sentenze che danno ragione ai cittadini in un contesto esasperante, in cui l’unica colpevole è l’istituzione che ha messo migliaia di famiglie in questa situazione, va considerato un atto estraneo alla ricerca del bene e al sostentamento di una comunità, che dovrebbero essere gli obiettivi primari dell’istituto degli usi civici.

Oltre a stigmatizzare il comportamento degli organi dirigenti dell’Agraria (che ricordiamo sono anni che non indicono le dovute elezioni!) ci chiediamo che fine abbiano fatto quei rappresentanti politici dell’attuale maggioranza regionale che hanno preso moltissimi voti promettendo una rapida soluzione al problema che purtroppo non abbiamo ancora visto.
Non vorremmo dover pensare che si siano limitati a prendere il voto di persone in difficoltà per poi disinteressarsene clamorosamente.

Condividi

Articoli Correlati

PD: no al porto crocieristico di Fiumicino

Il PD di Civitavecchia ha contribuito all’incontro tenutosi nei giorni scorsi a Fiumicino in merito alla realizzazione di un porto crocieristico nella cittadina laziale; un evento organizzato dal nostro Partito che ha visto la partecipazione

Grasso scrive una lettera ai moderati

Essere moderati oggi è un atto di coerenza verso i principi popolari e liberali su cui è fondato il nostro Paese. In un'epoca in cui sembra prevalere chi urla di più e lancia enunciati vaghi, la moderazione richiede coraggio

Pieno appoggio a Piendibene da DEMOS -Democrazia Solidale

Desideriamo ringraziare tutti i cittadini che ci hanno votato ; abbiamo ottenuto un buon successo che ci incoraggia a proseguire sulla strada del confronto e dell’ascolto. La nostra campagna elettorale non è stata invadente

Galletta appoggerà Piendibene al ballottaggio

In questi giorni seguenti al primo turno di votazioni per le elezioni del nuovo sindaco e relativo consiglio comunale della nostra Civitavecchia sono stata contattata da tantissimi cittadini, molti dei 1810 che hanno creduto nelle nostre visioni e soprattutto nel nostro impegno civico

D’Antò: “anche se la nostra proposta di appartamento non ha avuto finora il riscontro atteso, restiamo convinti della necessità di contrastare questa destra”

Dopo intense discussioni e un sincero tentativo di costruire un fronte comune, contro una destra che riteniamo quanto di più dannoso per la città, la coalizione di centrosinistra non ha ancora deciso (tecnicamente c'è tempo fino a domenica alle 12:00)
spot_imgspot_img

Come Movimento 5 Stelle abbiamo sempre considerato gli usi civici uno degli ultimi strumenti per salvaguardare il territorio da un selvaggio consumo di suolo, specialmente dopo la riforma delle procedure legate alle conferenze di servizi. Tuttavia, contestiamo vigorosamente l’accanimento dell’Università Agraria di Civitavecchia nei confronti delle migliaia di famiglie civitavecchiesi.

Nonostante l’Università Agraria sia un soggetto di diritto privato, il patrimonio che gestisce è di interesse pubblico e dovrebbe essere amministrato nell’interesse della collettività. Diverse sentenze hanno certificato ampiamente che la documentazione dimostra la non sussistenza degli usi civici, specialmente in zone come la “Bandita delle Mortelle”, dove gli usi civici sono inesistenti.

Il ricorrere contro sentenze che danno ragione ai cittadini in un contesto esasperante, in cui l’unica colpevole è l’istituzione che ha messo migliaia di famiglie in questa situazione, va considerato un atto estraneo alla ricerca del bene e al sostentamento di una comunità, che dovrebbero essere gli obiettivi primari dell’istituto degli usi civici.

Oltre a stigmatizzare il comportamento degli organi dirigenti dell’Agraria (che ricordiamo sono anni che non indicono le dovute elezioni!) ci chiediamo che fine abbiano fatto quei rappresentanti politici dell’attuale maggioranza regionale che hanno preso moltissimi voti promettendo una rapida soluzione al problema che purtroppo non abbiamo ancora visto.
Non vorremmo dover pensare che si siano limitati a prendere il voto di persone in difficoltà per poi disinteressarsene clamorosamente.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui