31.3 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024
HomeCERVETERILadispoli: operazione Baby Medellin

Ladispoli: operazione Baby Medellin

Date:

Negli giorni scorsi gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. Ladispoli hanno eseguito un’ordinanza cautelare emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Civitavecchia nei confronti di una donna ed un uomo resisi responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in concorso tra loro, nonché, il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di un appartamento acquistato dai due indagati con il denaro provento dell’illecita attività.

L’operazione, denominata “Baby Medellin”, iniziata nel ottobre 2022 ed ultimata nel gennaio 2023, ha avuto origine da alcuni sequestri di sostanza stupefacente del tipo Hashish, anche a carico di minorenni, eseguiti dagli agenti già nel mese di luglio 2022.

Sin dai primi mesi in cui è stato istituito il Comm.to di P.S. Distaccato Ladispoli, il personale della Squadra di P.G. è venuto a conoscenza del fatto che moltissimi dei giovani residenti nelle cittadine di Ladispoli e Cerveteri acquistavano sostanza stupefacente da una ragazza 20enne (con riferimento alla nota città Colombiana rinomata come centro nevralgico del narcotraffico negli anni ’70 e ’80), la quale, in collaborazione con il fidanzato di origini romene di 24 anni, stava monopolizzando a proprio favore il mercato della compravendita di hashish al dettaglio, smerciando droga a numerosissimi clienti, tra i quali diversi minorenni.

Nei primi giorni del mese di ottobre 2022, nel corso dell’attività di intercettazioni telefoniche, è stata ampiamente dimostrata l’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare hashish, posta in essere dalla coppia che, in talune circostanze, si avvaleva della collaborazione di terze persone.

Durante l’attività investigativa, gli Agenti hanno effettuato diversi riscontri e sequestri di quantitativi di droga trovata in possesso di soggetti che, poco prima, l’avevano acquistata dalla coppia. Nel corso dell’attività d’indagine, sono stati sequestrati diversi quantitativi di sostanza stupefacente del tipo hashish, alle volte anche ingenti ed in tutto sono stati registrati nr. 216 acquirenti di stupefacente, tra i quali sono stati identificati nr. 38 minorenni.

Nel mese di dicembre dell’anno 2023, nel corso dell’attività d’indagine, gli investigatori hanno scoperto che la coppia aveva acquistato un appartamento in un piccolo Comune del Lazio, utilizzando denaro contante proveniente dalla loro attività illecita.  L’A.G. della Procura di Civitavecchia, avendo ricevuto inconfutabili fonti di prova ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca dell’immobile oggetto della illecita compravendita che, attualmente, risulta anche affittato senza regolare contratto a persone extracomunitarie.

In seguito alle indagini esperite dalla squadra di P.G. sono stati denunciati altri soggetti che in talune circostanze hanno concorso con la coppia nello smercio delle sostanze, non solo procacciandogli i clienti ma anche ricoprendo il ruolo di vedette al fine di avvertirli dell’eventuale arrivo o passaggio di auto delle FF.OO.

Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Condividi

Articoli Correlati

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso

Massimiliano Grasso: “Via Fontanatetta, luogo simbolo di Civitavecchia, verrà intitolata a San Giovanni Paolo II”

San Giovanni Paolo II è stato il papa della gente. Una personalità speciale a cui Civitavecchia è molto legata, vista anche la recente inaugurazione della statua a lui dedicata in ricordo della visita pastorale compiuta il 19 marzo 1987

25 Giugno: interruzione flusso idrico per lavori acea

Acea Ato2 comunica che, al fine di consentire la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria, volti a migliorare l’efficienza del servizio, martedì 25 giugno 2024 sarà necessario effettuare una sospensione del flusso idrico in alcune zone
spot_imgspot_img

Negli giorni scorsi gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. Ladispoli hanno eseguito un’ordinanza cautelare emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Civitavecchia nei confronti di una donna ed un uomo resisi responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in concorso tra loro, nonché, il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di un appartamento acquistato dai due indagati con il denaro provento dell’illecita attività.

L’operazione, denominata “Baby Medellin”, iniziata nel ottobre 2022 ed ultimata nel gennaio 2023, ha avuto origine da alcuni sequestri di sostanza stupefacente del tipo Hashish, anche a carico di minorenni, eseguiti dagli agenti già nel mese di luglio 2022.

Sin dai primi mesi in cui è stato istituito il Comm.to di P.S. Distaccato Ladispoli, il personale della Squadra di P.G. è venuto a conoscenza del fatto che moltissimi dei giovani residenti nelle cittadine di Ladispoli e Cerveteri acquistavano sostanza stupefacente da una ragazza 20enne (con riferimento alla nota città Colombiana rinomata come centro nevralgico del narcotraffico negli anni ’70 e ’80), la quale, in collaborazione con il fidanzato di origini romene di 24 anni, stava monopolizzando a proprio favore il mercato della compravendita di hashish al dettaglio, smerciando droga a numerosissimi clienti, tra i quali diversi minorenni.

Nei primi giorni del mese di ottobre 2022, nel corso dell’attività di intercettazioni telefoniche, è stata ampiamente dimostrata l’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare hashish, posta in essere dalla coppia che, in talune circostanze, si avvaleva della collaborazione di terze persone.

Durante l’attività investigativa, gli Agenti hanno effettuato diversi riscontri e sequestri di quantitativi di droga trovata in possesso di soggetti che, poco prima, l’avevano acquistata dalla coppia. Nel corso dell’attività d’indagine, sono stati sequestrati diversi quantitativi di sostanza stupefacente del tipo hashish, alle volte anche ingenti ed in tutto sono stati registrati nr. 216 acquirenti di stupefacente, tra i quali sono stati identificati nr. 38 minorenni.

Nel mese di dicembre dell’anno 2023, nel corso dell’attività d’indagine, gli investigatori hanno scoperto che la coppia aveva acquistato un appartamento in un piccolo Comune del Lazio, utilizzando denaro contante proveniente dalla loro attività illecita.  L’A.G. della Procura di Civitavecchia, avendo ricevuto inconfutabili fonti di prova ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca dell’immobile oggetto della illecita compravendita che, attualmente, risulta anche affittato senza regolare contratto a persone extracomunitarie.

In seguito alle indagini esperite dalla squadra di P.G. sono stati denunciati altri soggetti che in talune circostanze hanno concorso con la coppia nello smercio delle sostanze, non solo procacciandogli i clienti ma anche ricoprendo il ruolo di vedette al fine di avvertirli dell’eventuale arrivo o passaggio di auto delle FF.OO.

Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui