30.4 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024
HomeCIVITAVECCHIAD’Antò sulla Chiusura Centrale a Carbone ENEL: Tra le nostre priorità c’è...

D’Antò sulla Chiusura Centrale a Carbone ENEL: Tra le nostre priorità c’è il futuro dei dipendenti Enel

Date:

Articoli Correlati

Massimiliano Grasso: “Ringrazio i cittadini per questo risultato, da domani si ricomincia a lavorare”

Tutti insieme abbiamo raggiunto il nostro primo obiettivo”. Con grande entusiasmo, al termine dello spoglio del primo turno, Massimiliano Grasso ringrazia i cittadini

Piendibene (centrosinistra): Salute pubblica, welfare e cura dell’ambiente per costruire una città per tutte e tutti

Crediamo che il tema della vivibilità sia centrale e soprattutto in una città come Civitavecchia debba essere oggetto principe del dibattito pubblico e conseguentemente dell'azione amministrativa

Scenari internazionali, performance portuali, analisi dei modelli green e i dati 2023 dei porti italiani

Continua la sinergia tra il mondo della portualità, rappresentato daAssoporti, e quello della ricerca economica rappresentato da SRM(centro studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo), che lanciano unsecondo numero del 2024 

Incedente braccianese claudia

Alle ore 06.15 di questa mattina i Vigili del fuoco di Civitavecchia si sono portati al chilometro 32 della Braccianese Claudia, comune Allumiere per incidente stradale

Ladispoli summer fest 2024

Venerdì 14 giugno 2024 alle ore 17:30 presso Bagni 33, lungomare Regina Elena 33, si terrà la presentazione del Summer Fest 2024 e del cartellone delle manifestazioni estive
spot_imgspot_img

La chiusura della centrale a carbone di ENEL, prevista per il 31 dicembre 2025, rappresenta una tappa importante nella nostra transizione verso un futuro energetico più sostenibile. Tuttavia, siamo consapevoli che questo cambiamento avrà un impatto significativo sui lavoratori di ENEL e sulle loro famiglie. Come candidato sindaco, voglio ribadire che le loro preoccupazioni sono al centro del nostro impegno politico.

Sappiamo bene come i problemi più gravi ci saranno per le aziende dell’indotto e soprattutto per le società mono committenti come la Minosse, che rischiano il fallimento o anni di cassa integrazione per i loro dipendenti. Riteniamo comunque fondamentale non dare per scontato il futuro dei dipendenti Enel.
Il nostro impegno è chiaro: sostenere i sindacati affinché, insieme ad ENEL, si trovino soluzioni concrete che permettano ai lavoratori di rimanere a Civitavecchia. Considerando i prepensionamenti, stimiamo che circa 150 lavoratori necessiteranno di un nuovo collocamento. 

E’ gravissimo che il tavolo presso il Ministero delle imprese e del made in Italy non abbia ancora trovato alcuna soluzione concreta, evidenziando come il governo Meloni non ha alcuna intenzione di investire sul nostro territorio. Il cambiamento epocale che vedrà a Civitavecchia la chiusura della centrale a carbone deve essere accompagnato da investimenti pubblici, in modo che anche i privati siano spinti ad investire sulla nostra città.


E’ chiaro come la filiera istituzionale di destra Governo-Regione-Comune non stia funzionando. Evidentemente il servilismo dei rappresentanti locali della destra in regione e parlamento verso i loro capi partito, invece di portare soluzioni, sta funzionando come un tappo. Per difendere le loro poltrone, chiedono certezze per loro stessi, ma neanche un euro per il futuro della città.
Con noi a Palazzo del Pincio la città avrà finalmente una voce che parlerà forte e chiaro a nome dei cittadini. Dopo 70 anni di servitù energetica Civitavecchia merita attenzione e finanziamento e noi andremo a dirlo forte e chiaro al Governo!


Ma non aspetteremo passivamente solo soluzioni dall’alto: proporremo un tavolo di lavoro con ENEL, sindacati e amministrazione locale per esplorare tutte le opzioni disponibili, dalle riqualificazioni professionali alle opportunità di impiego in nuovi progetti energetici e industriali sul territorio. Il terreno occupato dalla centrale di TVN è un luogo industriale fondamentale della nostra città e Enel dovrà trovare delle soluzioni che garantiscano sviluppo ed occupazione.
Quando vinceremo le elezioni i lavoratori di ENEL non saranno più soli. La nostra coalizione è fermamente impegnata a garantire che le loro preoccupazioni siano ascoltate e affrontate con la massima serietà. La chiusura della centrale non deve essere vista solo come una sfida, ma anche come un’opportunità per un futuro più giusto e sostenibile per tutti.

Vi invito a unirvi a noi in questo impegno e a sostenere le iniziative che metteremo in campo per il bene della nostra comunità.
Insieme, possiamo fare la differenza.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui