34.2 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024
HomeCIVITAVECCHIAASL Roma 4: corso di formazione per l’acquisizione della qualifica di operatore...

ASL Roma 4: corso di formazione per l’acquisizione della qualifica di operatore sanitario

Date:

La necessità di reperire personale qualificato da inserire nei servizi ospedalieri ma anche in quelli territoriali, ad esempio come l’assistenza domiciliare, ha indotto la Asl Roma 4 ad organizzare un corso di formazione per l’acquisizione della qualifica di operatore socio-sanitario, di cui a breve si apriranno le iscrizioni. 

“Un corso – ha spiegato il Direttore Generale della Asl Roma 4, la dottoressa Cristina Matranga – che abbiamo fortemente voluto e progettato su misura per le esigenze della nostra Azienda, che soffre in particolare la carenza di personale del comparto sanitario e che potrà dunque giovarsi in futuro della possibilità di affiancare agli infermieri la figura degli OSS formati sul territorio. Per l’azienda avere la possibilità di attingere ad un bacino di professionisti del territorio, in caso di eventuali assunzioni, – ha aggiunto – rappresenta una buona opportunità. L’occasione poi è anche quella di avviare percorsi di integrazione e inclusione. Proprio per questo abbiamo deciso, in collaborazione con la Direzione del Carcere di Civitavecchia e in piena sinergia con il nostro Dipartimento di Salute Mentale, di aggiungere questi quattro posti e riservarli a specifiche categorie. Come azienda pubblica abbiamo il dovere di impegnarci in azioni capaci di migliorare la qualità di vita dei nostri assistiti tutelando le minoranze e favorendo l’inclusione a tutti i livelli. A breve apriremo le iscrizioni e ci auguriamo che la partecipazione sia importante, visto il peso dell’iniziativa”. 

Il corso si articolerà in lezioni pomeridiane di un totale di 1012 ore e gli studenti saranno divisi in tre classi. Le lezioni, il cui inizio è previsto per il mese di marzo, si svolgeranno a Civitavecchia e a Bracciano ed il costo, di mille euro, è stato calmierato rispetto a quello sul mercato per dare la possibilità ad una platea più ampia di partecipare. In tutto sono 94 i posti disponibili, viene privilegiata la residenza nei comuni sede del corso (Civitavecchia e Bracciano), e di questi due posti sono stati riservati a persone detenute e due a soggetti fragili con patologie psichiatriche, in un’ottica di massima e piena integrazione socio sanitaria. 

“Per il Dipartimento di Salute Mentale – si tratta di un’occasione importante per offrire a persone che hanno superato le fasi più critiche del disturbo un’opportunità reale di inserirsi in un circuito professionale spesso inaccessibile sia per ostacoli di tipo economico che per i danniche la patologia crea alla sfera emotiva, che spesso rendono i soggetti rinunciatari rispetto alla possibilità di trovare uno sbocco occupazionale. Avere dei posti riservati diventa una boccata d’ossigeno contro i meccanismi aberranti dei sistemi socioculturali che non tengono conto di certe ferite psichiche da cui non è semplice guarire.  Un piccolo grande passo verso i cittadini che hanno perso visibilità ed energia sociale”. 

“Il lavoro è sicuramente un aspetto fondamentale per il processo di reinserimento sociale dei detenuti – ha concluso la direttrice degli Istituti Penitenziari di Civitavecchia, la dottoressa Patrizia Bravetti -offrire opportunità lavorative ai detenuti non solo permette loro di acquisire competenze professionali, ma costituisce un elemento di un più ampio percorso di cambiamento personale  che inizia durante la detenzione attraverso l’istruzione, la cultura, la revisione critica del reato e conduce verso ritorno alla vita sociale, riducendo anche il rischio di recidive. È una grande opportunità per la quale ringrazio la Asl RM4”.

Condividi

Articoli Correlati

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso

Massimiliano Grasso: “Via Fontanatetta, luogo simbolo di Civitavecchia, verrà intitolata a San Giovanni Paolo II”

San Giovanni Paolo II è stato il papa della gente. Una personalità speciale a cui Civitavecchia è molto legata, vista anche la recente inaugurazione della statua a lui dedicata in ricordo della visita pastorale compiuta il 19 marzo 1987

25 Giugno: interruzione flusso idrico per lavori acea

Acea Ato2 comunica che, al fine di consentire la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria, volti a migliorare l’efficienza del servizio, martedì 25 giugno 2024 sarà necessario effettuare una sospensione del flusso idrico in alcune zone
spot_imgspot_img

La necessità di reperire personale qualificato da inserire nei servizi ospedalieri ma anche in quelli territoriali, ad esempio come l’assistenza domiciliare, ha indotto la Asl Roma 4 ad organizzare un corso di formazione per l’acquisizione della qualifica di operatore socio-sanitario, di cui a breve si apriranno le iscrizioni. 

“Un corso – ha spiegato il Direttore Generale della Asl Roma 4, la dottoressa Cristina Matranga – che abbiamo fortemente voluto e progettato su misura per le esigenze della nostra Azienda, che soffre in particolare la carenza di personale del comparto sanitario e che potrà dunque giovarsi in futuro della possibilità di affiancare agli infermieri la figura degli OSS formati sul territorio. Per l’azienda avere la possibilità di attingere ad un bacino di professionisti del territorio, in caso di eventuali assunzioni, – ha aggiunto – rappresenta una buona opportunità. L’occasione poi è anche quella di avviare percorsi di integrazione e inclusione. Proprio per questo abbiamo deciso, in collaborazione con la Direzione del Carcere di Civitavecchia e in piena sinergia con il nostro Dipartimento di Salute Mentale, di aggiungere questi quattro posti e riservarli a specifiche categorie. Come azienda pubblica abbiamo il dovere di impegnarci in azioni capaci di migliorare la qualità di vita dei nostri assistiti tutelando le minoranze e favorendo l’inclusione a tutti i livelli. A breve apriremo le iscrizioni e ci auguriamo che la partecipazione sia importante, visto il peso dell’iniziativa”. 

Il corso si articolerà in lezioni pomeridiane di un totale di 1012 ore e gli studenti saranno divisi in tre classi. Le lezioni, il cui inizio è previsto per il mese di marzo, si svolgeranno a Civitavecchia e a Bracciano ed il costo, di mille euro, è stato calmierato rispetto a quello sul mercato per dare la possibilità ad una platea più ampia di partecipare. In tutto sono 94 i posti disponibili, viene privilegiata la residenza nei comuni sede del corso (Civitavecchia e Bracciano), e di questi due posti sono stati riservati a persone detenute e due a soggetti fragili con patologie psichiatriche, in un’ottica di massima e piena integrazione socio sanitaria. 

“Per il Dipartimento di Salute Mentale – si tratta di un’occasione importante per offrire a persone che hanno superato le fasi più critiche del disturbo un’opportunità reale di inserirsi in un circuito professionale spesso inaccessibile sia per ostacoli di tipo economico che per i danniche la patologia crea alla sfera emotiva, che spesso rendono i soggetti rinunciatari rispetto alla possibilità di trovare uno sbocco occupazionale. Avere dei posti riservati diventa una boccata d’ossigeno contro i meccanismi aberranti dei sistemi socioculturali che non tengono conto di certe ferite psichiche da cui non è semplice guarire.  Un piccolo grande passo verso i cittadini che hanno perso visibilità ed energia sociale”. 

“Il lavoro è sicuramente un aspetto fondamentale per il processo di reinserimento sociale dei detenuti – ha concluso la direttrice degli Istituti Penitenziari di Civitavecchia, la dottoressa Patrizia Bravetti -offrire opportunità lavorative ai detenuti non solo permette loro di acquisire competenze professionali, ma costituisce un elemento di un più ampio percorso di cambiamento personale  che inizia durante la detenzione attraverso l’istruzione, la cultura, la revisione critica del reato e conduce verso ritorno alla vita sociale, riducendo anche il rischio di recidive. È una grande opportunità per la quale ringrazio la Asl RM4”.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui