31.3 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024
HomeCIVITAVECCHIASui disabili si può fare di più e meglio, ma sempre all'insegna...

Sui disabili si può fare di più e meglio, ma sempre all’insegna di inclusività e famiglie

Date:

Qualche giorno fa, un candidato alle elezioni europee ha rilanciato l’idea delle classi differenziali per le persone affette da disabilità. Un intervento veramente fuori luogo e fuori tempo che ripropone pratiche superate ormai da più di 50 anni, pratiche che hanno una unica conseguenza: la ghettizzazione del disabile.

Oggi la parola d’ordine deve essere una sola: inclusione! L’inclusione permette ai disabili di crescere insieme agli altri, è l’unica strada che può portare all’autonomia ed alla indipendenza. E’ solo rendendo il disabile più autonomo ed indipendente, compatibilmente con i suoi problemi ovviamente, che possiamo assicurargli una vita la più soddisfacente possibile. In questo senso vanno anche le istituzioni sovranazionali, come dimostrano le recenti istituzioni della Carta europea della disabilità e del contrassegno di parcheggio europeo. 

Ma non basta.

Dobbiamo aiutare le famiglie con disabili soprattutto nella prima fase della loro nuova esperienza: nessuno di noi è pronto da subito a prendersi carico di un disabile. Ci vuole tempo ed aiuto da parte di persone competenti, anche perché ognuno è un caso particolare con bisogni particolari. E’ necessario che Asl e assessorato ai servizi sociali, insieme alle associazioni del volontariato, guidino le famiglie nei percorsi sociosanitari di assistenza alle persone disabili. Soprattutto nei primi momenti in cui si prende coscienza della disabilità di un proprio caro.

Bisogna che le famiglie non siano preda dello sconforto, della paura, della disperazione. Devono essere aiutate da subito nella ricerca delle soluzioni e delle persone giuste. 

Altro punto che ritengo elemento di civiltà: quello che viene definito il “dopo di noi”. La preoccupazione è legittima: chi si prenderà cura delle persone più deboli della nostra famiglia che dipendevano da noi quando noi non ci saremo più? Anche in questo caso programmare il futuro, dare alle famiglie la certezza che anche “dopo di loro” i disabili che loro hanno accudito con tanto amore e passione riceveranno lo stesso trattamento, ecco, lo considero un elemento di civiltà che un’amministrazione comunale non può dimenticare.

Condividi

Articoli Correlati

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso

Massimiliano Grasso: “Via Fontanatetta, luogo simbolo di Civitavecchia, verrà intitolata a San Giovanni Paolo II”

San Giovanni Paolo II è stato il papa della gente. Una personalità speciale a cui Civitavecchia è molto legata, vista anche la recente inaugurazione della statua a lui dedicata in ricordo della visita pastorale compiuta il 19 marzo 1987

25 Giugno: interruzione flusso idrico per lavori acea

Acea Ato2 comunica che, al fine di consentire la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria, volti a migliorare l’efficienza del servizio, martedì 25 giugno 2024 sarà necessario effettuare una sospensione del flusso idrico in alcune zone
spot_imgspot_img

Qualche giorno fa, un candidato alle elezioni europee ha rilanciato l’idea delle classi differenziali per le persone affette da disabilità. Un intervento veramente fuori luogo e fuori tempo che ripropone pratiche superate ormai da più di 50 anni, pratiche che hanno una unica conseguenza: la ghettizzazione del disabile.

Oggi la parola d’ordine deve essere una sola: inclusione! L’inclusione permette ai disabili di crescere insieme agli altri, è l’unica strada che può portare all’autonomia ed alla indipendenza. E’ solo rendendo il disabile più autonomo ed indipendente, compatibilmente con i suoi problemi ovviamente, che possiamo assicurargli una vita la più soddisfacente possibile. In questo senso vanno anche le istituzioni sovranazionali, come dimostrano le recenti istituzioni della Carta europea della disabilità e del contrassegno di parcheggio europeo. 

Ma non basta.

Dobbiamo aiutare le famiglie con disabili soprattutto nella prima fase della loro nuova esperienza: nessuno di noi è pronto da subito a prendersi carico di un disabile. Ci vuole tempo ed aiuto da parte di persone competenti, anche perché ognuno è un caso particolare con bisogni particolari. E’ necessario che Asl e assessorato ai servizi sociali, insieme alle associazioni del volontariato, guidino le famiglie nei percorsi sociosanitari di assistenza alle persone disabili. Soprattutto nei primi momenti in cui si prende coscienza della disabilità di un proprio caro.

Bisogna che le famiglie non siano preda dello sconforto, della paura, della disperazione. Devono essere aiutate da subito nella ricerca delle soluzioni e delle persone giuste. 

Altro punto che ritengo elemento di civiltà: quello che viene definito il “dopo di noi”. La preoccupazione è legittima: chi si prenderà cura delle persone più deboli della nostra famiglia che dipendevano da noi quando noi non ci saremo più? Anche in questo caso programmare il futuro, dare alle famiglie la certezza che anche “dopo di loro” i disabili che loro hanno accudito con tanto amore e passione riceveranno lo stesso trattamento, ecco, lo considero un elemento di civiltà che un’amministrazione comunale non può dimenticare.

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui