27.1 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024
HomeCIVITAVECCHIACivitavecchia 2000, senza più paura

Civitavecchia 2000, senza più paura

Date:

Civitavecchia è la nostra realtà. Civitavecchia è stato sempre il punto di arrivo per ogni evento, battaglia o conquista che abbiamo portato avanti e di cui ci siamo fatti sempre scudo. Diversi anni fa abbiamo costituito un’Associazione per far conoscere ai cittadini la voglia che avevamo di cambiare le cose in maniera sempre trasparente ed in linea con le necessità di tutti.

Lavorare per la comunità vuol dire quasi sempre anteporre i bisogni principali dei cittadini alle proprie esigenze strutturali. Questo però non si verifica quando alla mission interna ben delineata di uno statuto associativo corrisponde unicamente il voler aiutare chi è realmente in difficoltà. E questi siamo noi. Che si trattasse di agevolare la spinta all’espansione del porto della nostra città o l’acquisizione di nuove norme per regolamentare il lavoro autonomo così come quello precario o più semplicemente portare buste piene di spesa a chi la spesa non poteva fare, Civitavecchia 2000 è sempre stata in prima linea, e non in primo piano sotto qualche effimero riflettore.

Le nostre battaglie sono sempre rientrate nell’ottica, almeno per noi, della “giusta causa”, pur contravvenendo alle aspettative di una politica contorta e a volte manipolatrice. In ricordo di un giorno glorioso ci siamo battuti e abbiamo fatto sentire la nostra voce quando si è trattato di richiedere che venisse eretta una statua dedicata al nostro Papa Santo, Giovanni Paolo II.  Abbiamo creato convegni per i giovani sul loro futuro così precario.  Abbiamo portato avanti l’idea che un mondo che metta in secondo piano la donna è un mondo tutto da rifare.

Ci siamo mossi con le nostre sole forze a tutela dei più deboli senza chiedere mai nulla in cambio a nessun potere forte.  Ci abbiamo messo la faccia andando sempre avanti.  In questi tempi di incertezza sul futuro ora più che mai sentiamo di dover fare qualcosa per la nostra città senza false propagande e senza promesse impossibili. E proprio ora invece, hanno deciso di farci smettere, smettere di camminare su quel filo già così sottile che va sotto il nome di “volontariato continuo”.

Non riusciranno però ad abbassare il tono della nostra voce. Non riusciranno a manomettere i nostri entusiasmi. E soprattutto non riusciranno a distogliere lo sguardo di Civitavecchia da quella realtà di profonda collaborazione comunitaria e di forte speranza che ci ha sempre distinto.

Noi siamo la nostra città. Noi siamo Civitavecchia. E non smetteremo di lottare.

Alessandro Scotto

Presidente

Associazione Civitavecchia 2000 

Condividi

Articoli Correlati

Aggiornamento incendio in Via Attilio Bonucci a Civitavecchia

L’incendio ha avuto origine in un settore del deposito di rifiuti di proprietà della società Porcarelli Gino & co S. R. L. contenente circa 90 metri cubi di rifiuti indifferenziati, all’Interno del quale non erano presenti rifiuti speciali

Vasto incendio in via Attilio Bonucci, zona industriale

Dalle ore 09.00 di questa mattina i Vigili del fuoco di Civitavecchia sono occupati in un vasto incendio in via Attilio Bonucci, zona industriale

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso
spot_imgspot_img

Civitavecchia è la nostra realtà. Civitavecchia è stato sempre il punto di arrivo per ogni evento, battaglia o conquista che abbiamo portato avanti e di cui ci siamo fatti sempre scudo. Diversi anni fa abbiamo costituito un’Associazione per far conoscere ai cittadini la voglia che avevamo di cambiare le cose in maniera sempre trasparente ed in linea con le necessità di tutti.

Lavorare per la comunità vuol dire quasi sempre anteporre i bisogni principali dei cittadini alle proprie esigenze strutturali. Questo però non si verifica quando alla mission interna ben delineata di uno statuto associativo corrisponde unicamente il voler aiutare chi è realmente in difficoltà. E questi siamo noi. Che si trattasse di agevolare la spinta all’espansione del porto della nostra città o l’acquisizione di nuove norme per regolamentare il lavoro autonomo così come quello precario o più semplicemente portare buste piene di spesa a chi la spesa non poteva fare, Civitavecchia 2000 è sempre stata in prima linea, e non in primo piano sotto qualche effimero riflettore.

Le nostre battaglie sono sempre rientrate nell’ottica, almeno per noi, della “giusta causa”, pur contravvenendo alle aspettative di una politica contorta e a volte manipolatrice. In ricordo di un giorno glorioso ci siamo battuti e abbiamo fatto sentire la nostra voce quando si è trattato di richiedere che venisse eretta una statua dedicata al nostro Papa Santo, Giovanni Paolo II.  Abbiamo creato convegni per i giovani sul loro futuro così precario.  Abbiamo portato avanti l’idea che un mondo che metta in secondo piano la donna è un mondo tutto da rifare.

Ci siamo mossi con le nostre sole forze a tutela dei più deboli senza chiedere mai nulla in cambio a nessun potere forte.  Ci abbiamo messo la faccia andando sempre avanti.  In questi tempi di incertezza sul futuro ora più che mai sentiamo di dover fare qualcosa per la nostra città senza false propagande e senza promesse impossibili. E proprio ora invece, hanno deciso di farci smettere, smettere di camminare su quel filo già così sottile che va sotto il nome di “volontariato continuo”.

Non riusciranno però ad abbassare il tono della nostra voce. Non riusciranno a manomettere i nostri entusiasmi. E soprattutto non riusciranno a distogliere lo sguardo di Civitavecchia da quella realtà di profonda collaborazione comunitaria e di forte speranza che ci ha sempre distinto.

Noi siamo la nostra città. Noi siamo Civitavecchia. E non smetteremo di lottare.

Alessandro Scotto

Presidente

Associazione Civitavecchia 2000 

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img
Articolo precedente
Articolo successivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui