27.1 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024
HomeCURIATarquinia: Dio manifesta nel dolore di Gesù la natura della sua Misericordia

Tarquinia: Dio manifesta nel dolore di Gesù la natura della sua Misericordia

Date:

«Egli è stato trafitto per le nostre colpe, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti». Nel canto del Servo del Signore del profeta Isaia troviamo condensata la Passione di Gesù che in questo Venerdì Santo avvolge la Chiesa nel silenzio davanti alla sofferenza e alla morte del Figlio di Dio. Il vescovo Gianrico Ruzza ha presieduto questa antica liturgia nel Duomo di Tarquinia pregando con i fedeli davanti al crocifisso.

«Un mondo come il nostro, tutto terrestre e materiale, non può essere attirato dal servo sfigurato. Ma può essere colpito dalla morte ingiusta che “quel Servo” subisce nell’indifferenza generale e nella pervicacia del male», ha sottolineato il pastore parlando del dolore diffuso nel mondo schiacciato da guerre e ingiustizie che colpiscono soprattutto i più deboli e fragili.

Dio manifesta nel dolore di Gesù la natura della sua Misericordia che consiste della necessità di donarsi. «Dinanzi al Crocifiggilo! – ha spiegato il vescovo – Ripetuto a più riprese dalla folla urlante e delirante, dinanzi al rifiuto della sua gente che lo ha da poco acclamato come il Messia, Gesù tace nell’Amore e dona tutto se stesso. Questa è la logica dell’Amore! È la logica di chi sa che Dio non può abbandonarci, anzi sceglie di stare con noi nel dolore e nella solitudine, quella che Gesù sperimenta».

Abbassandosi, svuotandosi e spogliandosi di tutto il suo potere, l’Agnello di Dio ci convoca tutti sul patibolo: «Siamo sospesi nel dolore dinanzi alla croce, ma rimaniamo sospesi in attesa del passaggio negli inferi per giungere al trionfo pasquale della vita. Si tratta di un’attesa fervida e speranzosa».

Condividi

Articoli Correlati

Aggiornamento incendio in Via Attilio Bonucci a Civitavecchia

L’incendio ha avuto origine in un settore del deposito di rifiuti di proprietà della società Porcarelli Gino & co S. R. L. contenente circa 90 metri cubi di rifiuti indifferenziati, all’Interno del quale non erano presenti rifiuti speciali

Vasto incendio in via Attilio Bonucci, zona industriale

Dalle ore 09.00 di questa mattina i Vigili del fuoco di Civitavecchia sono occupati in un vasto incendio in via Attilio Bonucci, zona industriale

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso
spot_imgspot_img

«Egli è stato trafitto per le nostre colpe, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti». Nel canto del Servo del Signore del profeta Isaia troviamo condensata la Passione di Gesù che in questo Venerdì Santo avvolge la Chiesa nel silenzio davanti alla sofferenza e alla morte del Figlio di Dio. Il vescovo Gianrico Ruzza ha presieduto questa antica liturgia nel Duomo di Tarquinia pregando con i fedeli davanti al crocifisso.

«Un mondo come il nostro, tutto terrestre e materiale, non può essere attirato dal servo sfigurato. Ma può essere colpito dalla morte ingiusta che “quel Servo” subisce nell’indifferenza generale e nella pervicacia del male», ha sottolineato il pastore parlando del dolore diffuso nel mondo schiacciato da guerre e ingiustizie che colpiscono soprattutto i più deboli e fragili.

Dio manifesta nel dolore di Gesù la natura della sua Misericordia che consiste della necessità di donarsi. «Dinanzi al Crocifiggilo! – ha spiegato il vescovo – Ripetuto a più riprese dalla folla urlante e delirante, dinanzi al rifiuto della sua gente che lo ha da poco acclamato come il Messia, Gesù tace nell’Amore e dona tutto se stesso. Questa è la logica dell’Amore! È la logica di chi sa che Dio non può abbandonarci, anzi sceglie di stare con noi nel dolore e nella solitudine, quella che Gesù sperimenta».

Abbassandosi, svuotandosi e spogliandosi di tutto il suo potere, l’Agnello di Dio ci convoca tutti sul patibolo: «Siamo sospesi nel dolore dinanzi alla croce, ma rimaniamo sospesi in attesa del passaggio negli inferi per giungere al trionfo pasquale della vita. Si tratta di un’attesa fervida e speranzosa».

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui