31.3 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024
HomeCIVITAVECCHIAPiendibene: epidurale al San Paolo

Piendibene: epidurale al San Paolo

Date:

Al San Paolo non è ancora possibile partorire con la partoanalgesia, ovvero con l’epidurale. 
L’ epidurale è una tecnica che permette di affrontare in maniera più tranquilla il travaglio, che può durare anche diverse ore, lasciando però un ruolo attivo alla donna, che gestendo in maniera positiva il dolore, può vivere più serenamente l’esperienza del parto.

Così come mi ha dettagliatamente riportato la candidata Valentina Di Gennaro, della Lista Alleanza Verdi Sinistra, che mi sostiene, da qualche anno a Civitavecchia è già possibile partorire con l’ausilio del protossido d’azoto, ma che però l’analgesia epidurale rimane la scelta d’elezione di molte donne in quanto rappresenta la tecnica farmacologica ottimale per ridurre l’intensità del dolore delle contrazioni. 

Un’opzione importante, quindi, che manca al San Paolo e che è tra i motivi per il quale quello cittadino non è l’ospedale di riferimento per molte donne che spesso, decidono invece di partorire a Roma dove la partoanalgesia è ormai una prassi consolidata. Una situazione che ha influito nel portare il nostro ospedale a viaggiare a circa 300 nuovi nati all’anno, quota ben distante dalla soglia minima per tenere aperto ogni punto nascita, fissato dalla Regione a 500 parti.

Il San Paolo, ormai da anni, tiene aperto il punto nascita in deroga rispetto alla determinazione regionale. 

L’epidurale è inserita da anni però nei livelli essenziali di assistenza. 

Dovrà quindi essere garantito questo diritto, mettendo in grado le donne di scegliere dove partorire e assicurare alle donne che decidono di partorire a Civitavecchia le stesse opportunità di chi partorisce altrove. 

Condividi

Articoli Correlati

Premio Campiello a Civitavecchia,Unindustria, Dionisi: la cultura traino di crescita per il territorio

In platea saranno presenti oltre 300 invitati, rappresentanti del mondo dell’industria, della cultura e delle istituzioni, oltre a tanti appassionati di letteratura, che hanno voluto partecipare a questo straordinario evento

Italia Viva del Lazio aderisce alla manifestazione contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura

Italia Viva del Lazio aderisce e parteciperà alla grande manifestazione di piazza contro lo sfruttamento e il caporalato dei lavoratori in agricoltura, dopo la drammatica vicenda della morte di Satnam Singh, che si terrà oggi alle 17 a Latina in Piazza della Libertà

Forno in fiamme all’interno di una abitazione

I Vigili del Fuoco di Civitavecchia alle 12 sono intervenuti in via Vincenzo Cardarelli, per un incendio di un forno all’interno della cucina di una casa. All’arrivo sul posto fumo molto denso

Massimiliano Grasso: “Via Fontanatetta, luogo simbolo di Civitavecchia, verrà intitolata a San Giovanni Paolo II”

San Giovanni Paolo II è stato il papa della gente. Una personalità speciale a cui Civitavecchia è molto legata, vista anche la recente inaugurazione della statua a lui dedicata in ricordo della visita pastorale compiuta il 19 marzo 1987

25 Giugno: interruzione flusso idrico per lavori acea

Acea Ato2 comunica che, al fine di consentire la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria, volti a migliorare l’efficienza del servizio, martedì 25 giugno 2024 sarà necessario effettuare una sospensione del flusso idrico in alcune zone
spot_imgspot_img

Al San Paolo non è ancora possibile partorire con la partoanalgesia, ovvero con l’epidurale. 
L’ epidurale è una tecnica che permette di affrontare in maniera più tranquilla il travaglio, che può durare anche diverse ore, lasciando però un ruolo attivo alla donna, che gestendo in maniera positiva il dolore, può vivere più serenamente l’esperienza del parto.

Così come mi ha dettagliatamente riportato la candidata Valentina Di Gennaro, della Lista Alleanza Verdi Sinistra, che mi sostiene, da qualche anno a Civitavecchia è già possibile partorire con l’ausilio del protossido d’azoto, ma che però l’analgesia epidurale rimane la scelta d’elezione di molte donne in quanto rappresenta la tecnica farmacologica ottimale per ridurre l’intensità del dolore delle contrazioni. 

Un’opzione importante, quindi, che manca al San Paolo e che è tra i motivi per il quale quello cittadino non è l’ospedale di riferimento per molte donne che spesso, decidono invece di partorire a Roma dove la partoanalgesia è ormai una prassi consolidata. Una situazione che ha influito nel portare il nostro ospedale a viaggiare a circa 300 nuovi nati all’anno, quota ben distante dalla soglia minima per tenere aperto ogni punto nascita, fissato dalla Regione a 500 parti.

Il San Paolo, ormai da anni, tiene aperto il punto nascita in deroga rispetto alla determinazione regionale. 

L’epidurale è inserita da anni però nei livelli essenziali di assistenza. 

Dovrà quindi essere garantito questo diritto, mettendo in grado le donne di scegliere dove partorire e assicurare alle donne che decidono di partorire a Civitavecchia le stesse opportunità di chi partorisce altrove. 

Condividi

Iscriviti

- Non perdere mai una notizia con le notifiche

- Ottieni pieno accesso ai nostri contenuti premium

- Naviga gratuitamente da un massimo di 5 dispositivi contemporaneamente

Ultimi articoli

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui